Abbattimento liste d’attesa: Artexe ha la soluzione più rapida al problema

Artexe il 20 dicembre 2021

L’overload di richieste di appuntamenti per prestazioni diagnostiche, visite specialistiche e interventi chirurgici da parte dei pazienti crea vere e proprie emorragie economiche e reputazionali. L’abbattimento delle liste d’attesa, dunque, basterebbe da solo ad incrementare gli utili della struttura sanitaria.

Quanto appena affermato trova una spiegazione nell’analisi degli effetti che il disservizio è in grado di generare. Innanzitutto i cittadini, delusi dall’impossibilità di curarsi in tempi ragionevoli, si rivolgono a chi è in grado di offrire la prestazione più rapidamente. Ciò, oltre a rappresentare un danno economico, è anche un insuccesso manageriale. Se i tempi di attesa sono superiori a un mese, è evidente che si è in presenza di gravi carenze organizzative e mancanza di trasparenza e responsabilità.

Il Governo sta lavorando sul problema e, soprattutto, mira a limitare le ripercussioni sui costi sanitari che gravano sul SSN: nel tentativo di arginare i disservizi e portare a un veloce abbattimento delle liste d’attesa, il Ministero della Sanità ha recentemente aggiornato il Piano normativo nazionale (2019-2021)1 , al quale tutte le strutture ospedaliere devono attenersi.

Emerge che la verifica dell’appropriatezza prescrittiva è certamente la prima azione da mettere in campo. Sfoltire, anche intuitivamente, libera spazio. In questo caso, accorcia i tempi d’attesa dei pazienti. Ma come avere certezza riguardo alla reale necessità e/o adeguatezza di una prescrizione medica? Il quesito trova una efficace risposta in una soluzione come Clinika di Artexe.


Abbattimento liste d’attesa: come funziona con Clinika

Clinika è un sistema che permette la gestione non solo di dati strutturati, ma anche di quelli non strutturati grazie all’Intelligenza Artificiale, trasformandoli in informazioni critiche per migliorare i servizi sanitari. È grazie all’analisi di documenti come diagnosi, referti, indicazioni terapeutiche, cartelle cliniche e risultati di diagnostica per immagini che si può infatti colmare il gap di conoscenza in relazione alla storia sanitaria del paziente e comprendere se una prescrizione è più o meno appropriata.

Gli algoritmi su cui si basa Clinika sono in grado di riconoscere, decifrare e rendere fruibili le informazioni contenute in qualsiasi tipo di documento. Ad esempio, incrociando i dati relativi al paziente con i criteri governativi di appropriatezza della prescrizione, il software rileva e segnala eventuali difformità. Allo stesso modo, Clinika trae informazioni relative al livello di qualità dei servizi erogati e alle performance degli operatori sanitari, consentendo al management di comprendere le cause e apportare le modifiche necessarie. È proprio questo è ciò che serve per andare dritti al cuore del problema delle liste d’attesa troppo lunghe.


Funzioni predittive che concorrono all’abbattimento delle liste d’attesa

Il sistema Clinika elabora ogni genere di dato, prendendolo anche da fonti non usuali, come i social network, gli istituti e le news. Basta impostare le fonti. Attraverso l’AI e in particolare le funzioni di machine learning, i dati vengono utilizzati in maniera predittiva per rilevare:

  • maggiore incidenza di particolari patologie;
  • picchi di richieste per prestazioni specifiche.

 

Così Clinika supporta il management nel prendere decisioni strategiche, ottimizzando i flussi, e concorrendo all’abbattimento delle liste d’attesa.


1 Fonte: Ministero della Salute


wp-guida-smart-healthcare